Formazione triennale presso la Scuola per Ostetriche

La consegna dei primi 20 diplomi avvenuta nel luglio 2017, senza nessun abbandono malgrado le difficoltà di un Paese devastato dalla guerra civile, è motivo per sostenere con forza la realizzazione di un ulteriore ciclo triennale di formazione di personale qualificato nel settore materno-infantile.

Annessa all’Ospedale di Lui, nella parte meridionale del Sudan del Sud, esiste una Scuola per la formazione di personale ostetrico che, riaperta nel 2014 grazie al sostegno finanziario e operativo di Medici con l’Africa Cuamm, ha seguito in un percorso di studio triennale e regolarmente abilitato nel luglio 2017 i 20 studenti che l’hanno frequentata.

Nonostante le molte difficoltà di questo angolo di Africa, dalle precarie condizioni economiche e di sicurezza per via della guerra civile, tutti e 20 gli aspiranti diplomati, ragazzi e ragazze, hanno conseguito il diploma, tra i primi in Sud Sudan, un paese che cerca tra mille difficoltà di strutturare servizi sanitari per la popolazione più bisognosa. Non a caso, insieme a numerose altre autorità politiche e religiose del Paese, ha partecipato alla consegna dei diplomi il ministro della Sanità (nella foto insieme ad una neo diplomata e al direttore di Cuamm don Dante Carraro).

Con il supporto operativo dei Medici con l’Africa, la Fondazione impegnerà per i prossimi 3 anni i proventi derivanti dal 5 x 1000 nel progetto della Scuola per Ostetriche di Lui, perché, migliorata nelle strutture e nei mezzi didattici, possa avviare nuovi cicli formativi triennali allo scopo di formare personale medico qualificato, esigenza prioritaria negli interventi a favore della salute materno-infantile in Africa.

Il progetto si avvale della collaborazione non solo del governo sud-sudanese (il quale tuttavia non ha risorse economiche da dedicarvi), ma anche dell’ospedale di Lui gestito dai Medici con l’Africa, in cui avvengono i tirocini formativi. Lui, situato nello stato di Amadi, è centro sanitario di riferimento per 174.000 persone e i diplomati nel 2017 hanno tutti trovato subito lavoro.
Gli aspiranti diplomandi, scelti da selezione governativa, provengono da tutto il Paese, così che la Scuola di Lui, multietnica ed a respiro nazionale, offre agli studenti e al personale l’opportunità di convivere e collaborare superando le profonde divisioni acuite dal conflitto.